Facebook avrà suo motore di ricerca. Ex Google collabora con FB

Il motore di ricerca Bing della Microsoft, ora responsabile per la ricerca su Facebook, sarà presto sostituito da una società proprietaria. Il Social network Facebook ha raggiunto fino ad oggi una vastità di utenti veramente senza precedenti e ha acquisito un gruppo di servizi propri e in effetti è ormai un “Internet all’interno di Internet”. Come si può immaginare un enorme soggetto virtuale come Facebook non può esistere senza il proprio motore di ricerca. L’obiettivo di Facebook è di dare meno motivi agli utenti di rivolgersi ad altri motori di ricerca, soprattutto Google. Insomma, se Google ha voluto lanciare un attacco creando il proprio social, Google Plus, e integrandolo nelle ricerche, ecco che FB ha deciso di rispondere con la stessa moneta.

Come si legge su Businessweek, che ha rivelato per primo l’indiscrezione

“La ricerca in ambito social network può migliorare molto nel prossimo futuro. Circa due dozzine di ingegneri di Facebook, guidati da un ex ingegnere di Google di nome Lars Rasmussen, stanno lavorando su un motore di ricerca migliorato” hanno spiegato due persone che hanno familiarità con il progetto che non vuole essere spiegato pubblicamente perché l’azienda è in un periodo tranquillo in vista della sua IPO (Lancio iniziale di azioni sul mercato ndr). L’obiettivo, dicono, è quello di aiutare gli utenti a meglio setacciare il volume di contenuti che i membri creano sul sito, come ad esempio aggiornamenti di stato, e gli articoli, video e altre informazioni attraverso il Web che la gente “gradisce” utilizzando gli onnipresenti tasti Like.

Finora, l’obiettivo primario del gruppo Rasmussen era di eseguire una ricerca di status, note e video non direttamente inserite nella rete sociale stessa, ma semplicemente come aggiunta ai risultati di Google, ma ora il progetto dovrebbe svolgersi tutto all’interno del Social Network per eccellenza.

Gianni Altrofieri

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Microsoft blocca il marchio “Metro”. Forse per problemi legali

Negli ultimi anni, Microsoft ha usato la parola  Metro per rappresentare la filosofia alla quale l’azienda si ispira nella realizzazione

Morro. Probabilmente solo un gadget

La Microsoft ha confermato la sua intenzione di investire anche nel campo della sicurezza.  Se tempo fa era giunta voce

McAfee analizza un decennio all’insegna del crimine cibernetico

Per gli utenti di Internet, si è trattato di un decennio di miglioramenti online che consentono alle persone di comunicare,