Facebook avrà suo motore di ricerca. Ex Google collabora con FB

Il motore di ricerca Bing della Microsoft, ora responsabile per la ricerca su Facebook, sarà presto sostituito da una società proprietaria. Il Social network Facebook ha raggiunto fino ad oggi una vastità di utenti veramente senza precedenti e ha acquisito un gruppo di servizi propri e in effetti è ormai un “Internet all’interno di Internet”. Come si può immaginare un enorme soggetto virtuale come Facebook non può esistere senza il proprio motore di ricerca. L’obiettivo di Facebook è di dare meno motivi agli utenti di rivolgersi ad altri motori di ricerca, soprattutto Google. Insomma, se Google ha voluto lanciare un attacco creando il proprio social, Google Plus, e integrandolo nelle ricerche, ecco che FB ha deciso di rispondere con la stessa moneta.

Come si legge su Businessweek, che ha rivelato per primo l’indiscrezione

“La ricerca in ambito social network può migliorare molto nel prossimo futuro. Circa due dozzine di ingegneri di Facebook, guidati da un ex ingegnere di Google di nome Lars Rasmussen, stanno lavorando su un motore di ricerca migliorato” hanno spiegato due persone che hanno familiarità con il progetto che non vuole essere spiegato pubblicamente perché l’azienda è in un periodo tranquillo in vista della sua IPO (Lancio iniziale di azioni sul mercato ndr). L’obiettivo, dicono, è quello di aiutare gli utenti a meglio setacciare il volume di contenuti che i membri creano sul sito, come ad esempio aggiornamenti di stato, e gli articoli, video e altre informazioni attraverso il Web che la gente “gradisce” utilizzando gli onnipresenti tasti Like.

Finora, l’obiettivo primario del gruppo Rasmussen era di eseguire una ricerca di status, note e video non direttamente inserite nella rete sociale stessa, ma semplicemente come aggiunta ai risultati di Google, ma ora il progetto dovrebbe svolgersi tutto all’interno del Social Network per eccellenza.

Gianni Altrofieri

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Nuovo trojan SabPub per i Mac Os X, un pericolo ormai continuo

Il noto Trojan Flashfake che ha contribuito a creare una botnet di 700 mila  computer  può essere l’esempio più significativo

McAfee mette in guardia gli utenti sulle “12 truffe di Natale”

I consumatori farebbero bene a guardarsi dalle truffe più comuni della stagione prima di collegarsi online per prenotare viaggi e

Iphone 3G. La crittazione dei dati si salta a piè pari

Ricercatori sulla sicurezza hanno scoperto un metodo davvero elementare per superare il sistema di crittazione dei dati sull’Iphone 3G. Anche

Nessun commento.

Scrivi un commento
Ancora nessun commento! Sii il primo a commentare questo post!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*

Skysa App Bar