17 giugno 2009 - Flash, Flash Microsoft, Recensioni Sicurezza App

Google deve dare più sicurezza ai suoi dati

Una dozzina di ricercatori e avvocati chiedono formalmente a Google di aumentare la sicurezza dei dati. Secondo gli esperti, i servizi come Google Docs, per la creazione di documenti online, e Calendar, per la gestione dei propri impegni, mancano di opzioni per la crittazione dei dati. Questo può dar luogo al furto e al successivo uso illegale di dati sensibili.  L’azienda dovrebbe quindi applicare il protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure) per Gmail, Docs e Calendar, o perlomeno spiegare e facilitare l’applicazione di strumenti di sicurezza.

Il motore di ricerca, tramite il blog ufficiale, si sta impegnando per soddisfare le esigenze di sicurezza degli utenti, ma intende prima eseguire degli studi approfonditi in quanto l’applicazione dell’HTTPS potrebbe, per contro, rallentare alcune operazioni online. Tuttavia, una volta accertato il positivo impatto sui clienti, Google promette di “estendere la protezione HTTPS anche agli altri nostri servizi Apps e Calendar”.

 

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Angry Birds protegge la privacy, ma non troppo. Recensione

Angry Birds non ha certo bisogno di presentazioni: l’app della finlandese Rovio da ormai diversi anni occupa saldamente le prime

Sicurezza: Adobe Reader è sempre più bersaglio di attacchi

Gli attacchi nei confronti di Adobe Flash ed Acrobat Reader diverranno sempre più frequenti nel corso del 2010 tanto da

Facebook App. Privacy in dubbio per (troppi) permessi ed SMS

Chi non conosce la app di Facebook? Sicuramente una delle applicazioni più note e scaricate, che ci permette di restare

Whatsapp: i problemi di privacy e l’acquisto di Facebook – Recensione

WhatsApp è sicuramente l’applicazione di messaggistica istantanea più nota e diffusa, con i suoi 450 milioni di utenti attivi al

Instagram. Bene la privacy, permessi coerenti e rassicuranti

Instagram non ha bisogno di molte presentazioni. E’ un’app e contemporaneamente un social network, che dal 2010 ad oggi continua

Retrica, la recensione: due permessi di troppo, ma si risolve

Già presente sull’App Store da tempo, Retrica è ora scaricabile anche da Google Play per il sistema operativo Android. Si