17 giugno 2009 - Flash, Flash Microsoft, Recensioni Sicurezza App

Google deve dare più sicurezza ai suoi dati

Una dozzina di ricercatori e avvocati chiedono formalmente a Google di aumentare la sicurezza dei dati. Secondo gli esperti, i servizi come Google Docs, per la creazione di documenti online, e Calendar, per la gestione dei propri impegni, mancano di opzioni per la crittazione dei dati. Questo può dar luogo al furto e al successivo uso illegale di dati sensibili.  L’azienda dovrebbe quindi applicare il protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure) per Gmail, Docs e Calendar, o perlomeno spiegare e facilitare l’applicazione di strumenti di sicurezza.

Il motore di ricerca, tramite il blog ufficiale, si sta impegnando per soddisfare le esigenze di sicurezza degli utenti, ma intende prima eseguire degli studi approfonditi in quanto l’applicazione dell’HTTPS potrebbe, per contro, rallentare alcune operazioni online. Tuttavia, una volta accertato il positivo impatto sui clienti, Google promette di “estendere la protezione HTTPS anche agli altri nostri servizi Apps e Calendar”.

 

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Facebook Messenger App. Un assurdo attentato alla privacy. Recensione

Pensando alla Facebook Messenger App e alla sua privacy ci poniamo delle domande. Quanti consentirebbero ad un estraneo di leggere e

Pirateria informatica: 15 mesi di reclusione ad un cittadino britannico

Niente pirateria, siamo Inglesi! Il titolo del cult-movie del 1973 è in realtà un po' diverso, ma questo riadattato si

Mini Golf MatchUp. L’App non è un virus ma invade con forza la privacy

Mini Golf MatchUp di Scopely è un game di mini-golf per smartphone e tablet, apprezzato per la sua qualità di gioco e

9PROOF Scrambit: la soluzione per telefonate protette

La crisi economica che ha colpito i paesi industrializzati negli ultimi anni ha contribuito a incrementare in modo esponenziale le

WordPress. Vulnerabilità in Alo Newsletter Plugin

Vulnerabilità mutliple sono state segnalate nel plugin Newsletter ALO EasyMail per WordPress, che può essere sfruttato da malintenzionati per condurre

Shazam e la privacy. App onesta ma molti i permessi richiesti

Quante volte, per radio o in tv, capita di ascoltare una canzone e chiedersi quale sia il titolo, o l’autore