Fatti furbo! Risparmia dal 30 al 50% con uno smartphone Refurbished!

Il webserver nginx giunge alla versione 1.0.0

Dopo ben nove anni di sviluppo, il celebre server HTTP (oltre che reverse proxy e email proxy) nginx giunge quest’oggi alla sua release 1.0.0.

Scritto da Igor Sysoev per servire le risorse HTTP presso i server Web del portale russo Rambler nella maniera più veloce possibile, nginx utilizza un approccio asincrono e orientato agli eventi al fine di risolvere il noto problema c10k.

Modulare, è espandibile sia con moduli opzionali che di terze parti.

nginx, tra le altre cose, supporta tunneling cifrati SSL, TLS, gestisce virtual server sia name-based che IP-based, supporta connessioni HTTP persistenti, streaming FLV e ingloba Perl quale linguaggio di scripting embedded, sebbene altri linguaggi di scripting server side (come ad esempio PHP) possano essere aggiunti via interfaccia FastCGI (contrariamente ad Apache su *nix per i quali esistono moduli a hoc).

La popolarità del webserver è in continuo aumento, tanto da essere divenuto in pochissimo tempo il candidato alla terza posizione tra i server HTTP più importanti al mondo, oltre che già il terzo server HTTP più usato in assoluto.

Di licenza BSD-like, gira sui sistemi Unix, Linux, BSD, Mac OS X, Solaris, e anche Microsoft Windows (sebbene in quest’ultimo caso se ne vanifichino le doti da primato velocistico).


Leggi tutto…

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Notebook Toshiba Tecra A11, semplicità e concretezza

Per il professionista alla ricerca di un sistema portatile solido e concreto, Toshiba propone Tecra A11. Un notebook che concede

Videogiochi PC, Microsoft ha fallito e medita riscatto

Da un documento interno di Microsoft emerge l’intenzione dell’azienda di tornare a puntare sul PC come piattaforma da gioco. Non

Cina. Hacker condannati per furto ai giocatori di World of Warcraft

Dieci hacker cinesi sono stati condannati per aver derubato i giocatori del popolare World of Warcraft. Il gruppo di pirati

Nessun commento.

Scrivi un commento
Ancora nessun commento! Sii il primo a commentare questo post!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*

Skysa App Bar