Il webserver nginx giunge alla versione 1.0.0

Dopo ben nove anni di sviluppo, il celebre server HTTP (oltre che reverse proxy e email proxy) nginx giunge quest’oggi alla sua release 1.0.0.

Scritto da Igor Sysoev per servire le risorse HTTP presso i server Web del portale russo Rambler nella maniera più veloce possibile, nginx utilizza un approccio asincrono e orientato agli eventi al fine di risolvere il noto problema c10k.

Modulare, è espandibile sia con moduli opzionali che di terze parti.

nginx, tra le altre cose, supporta tunneling cifrati SSL, TLS, gestisce virtual server sia name-based che IP-based, supporta connessioni HTTP persistenti, streaming FLV e ingloba Perl quale linguaggio di scripting embedded, sebbene altri linguaggi di scripting server side (come ad esempio PHP) possano essere aggiunti via interfaccia FastCGI (contrariamente ad Apache su *nix per i quali esistono moduli a hoc).

La popolarità del webserver è in continuo aumento, tanto da essere divenuto in pochissimo tempo il candidato alla terza posizione tra i server HTTP più importanti al mondo, oltre che già il terzo server HTTP più usato in assoluto.

Di licenza BSD-like, gira sui sistemi Unix, Linux, BSD, Mac OS X, Solaris, e anche Microsoft Windows (sebbene in quest’ultimo caso se ne vanifichino le doti da primato velocistico).


Leggi tutto…

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Xin 1.0

New Concept Linux Leggi tutto… The following two tabs change content below.BioUltimi Post RedazioneRedazione a Alground.com La Redazione di Alground

Realease Shogo 10: Tablet con touchscreen capacitivo da 10″ e Linux

Realease, l’azienda che produce il tablet da cucina QOOQ, ha presentato Shogo 10, un tablet dotato di touchscreen capacitivo da

Facebook. Mancanza privacy primo motivo di cancellazione profilo

Il mancato rispetto della privacy è il primo motivo per cui gli utenti di Facebook decidono di cancellare il loro