Volunia ritorna. Il motore italiano ora si basa su Bing

Volunia ritorna. Il motore italiano ora si basa su Bing
Volunia usa Bing

Volunia ora è basato su Bing

Abbiamo accolto qualche mese fa la novità di Volunia come il motore italiano “anti” Google, la novità della ricerca italiana che portava vento nuovo nel panorama ormai un pò schiacciato da Big G.

Le critiche della prima versione di Volunia sono arrivate da tutte le parti, anche da noi per via della piattaforma usata poco coerente con un progetto come era stato presentato. Poi ci sono stati mesi di silenzio totale, che hanno portato anche lo sconcerto nei power user, ovvero coloro che hanno richiesto l’accesso fin dal primo momento ed hanno aiutato il team di Mariano Pireddu e Massimo Marchiori a capire quali erano le cose che non andavano.

Ora la novità dell’annuncio del nuovo Volunia.

Come sempre siamo andati a guardare le cose che erano cambiate e cosa ci avevano riservato i nostri ricercatori italiani.

Il restilyng è stato molto delicato, non è cambiato radicalmente, è rimasta l’interfaccia iniziale molto più soft e con qualche icona più curata. Un pò più facile da gestire e con qualche aiuto in più che non guasta.

In un motore di ricerca però si va per cercare, e questo abbiamo fatto. Sorpresa, i risultati sono eccellenti. Curati, ben definiti e sicuramente migliori degli ultimi aggiornamenti di casa Google che fanno disperare gli addetti al settore Seo dei siti italiani.

Unico neo in tutto questo? Che il motore italiano ormai non lo è più, poichè il motore che stiamo usando ora è in realtà Bing.

L’upgrade è ottimo. Solo che di italiano rimane poco. Piattaforma: WordPress (Usa) Motore di ricerca Bing (Usa).

Diamo un grande in bocca al lupo al team italiano che lo segue. Speriamo che quello rimanga italiano.

Volunia ritorna. Il motore italiano ora si basa su Bing ultima modifica: 2012-05-21T07:03:00+00:00 da redazione

The following two tabs change content below.

redazione

Redazione a Alground.com
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

Attacco hacker ad eBay: cosa ci insegna, come si rimedia

L’attacco hacker ad eBay, che portato al furto di 128 milioni di credenziali di altrettanti utenti, ci insegna che a

Sicurezza e privacy. Tutte le previsioni per il 2014

Se il 2013 ha rappresentato una vera svolta per la sicurezza informatica, riteniamo che nel 2014 si concretizzeranno e prenderanno

Datagate. Rivelare i dati personali, per scandalizzarci poi

Da quando Edward Snowden ha fatto esplodere il caso Datagate, rivelando il controllo dei metadati relativi a milioni di telefonate

Genitori. Non postate foto di bambini online

Una delle cose dalle quali i genitori di figli piccoli non sanno trattenersi è quella di pubblicare foto dei  loro

Quanta fiducia riporre nel marchio Apple? mmm…

Sappiamo tutti quanta cura Apple dedichi all’affermazione del proprio marchio: l’azienda di Cupertino è forse quella che nel mondo più

Twitter difende la privacy dell’attivista Harris dai giudici USA

Twitter ha rinnovato oggi la sua protesta nei confronti della magistratura americana, che nel corso di una indagine sull’ attivista