Sicurezza di acquisti online ed ecommerce. Guida 2012

Sicurezza di acquisti online ed ecommerce. Guida 2012

Il maggior numero di truffe e raggiri online si verificano nel periodo delle feste natalizie. L’aumento degli acquisti è una ottima occasione per i pirati informatici: ecco dunque consigli efficaci e realizzabili anche senza particolari conoscenze tecniche per evitare di diventare una delle tante “vittime” di quest’anno.

Modificare ora le password – Un’ottima abitudine consiste nel modificare le password prima del periodo natalizio e di cambiarle nuovamente verso i primi di gennaio. Cambiate il vostro indirizzo e-mail, la password per gli account, gli accessi bancari e modificate le password per gli account di shopping online come Amazon. Ovviamente la parola d’ordine dovrà essere composta da un minimo di 8 caratteri, un misto di lettere e cifre, assieme ad un tasto speciale come “@” o ” _”

Uscite dai vostri account una volta visitato il sito – I cookie che memorizzano le informazioni degli utenti per le normali attività di navigazione possono a volte ricordare troppo a lungo la vostra presenza, mantenendo l’accesso agli account fino a parecchi giorni anche dopo aver chiuso la scheda del browser. Prendete l’abitudine di fare clic sul pulsante “log out”.

Utilizzate due browser – Per ridurre al minimo l’esposizione alle vulnerabilità usate un browser per le operazioni delicate come l’accesso alle e-mail riservate e al conto bancario, e un altro per la navigazione casuale, quella dove potreste imbattervi in virus e truffe.

Verificate l’attendibilità dei sitiSe un sito sconosciuto sta richiedendo informazioni personali, come il vostro indirizzo e-mail, il  numero di telefono e l’indirizzo, pensateci due volte prima di compilare i dati e fate una ricerca su internet con il nome di quel sito: insospettitevi se ci sono pochi risultati, se questi sono in lingue straniere o se trovate cattive recensioni.

Utilizzate anche programmi che vi aiutino a controllare la bontà dei siti che visitate come McAfee Site Advisor, WOB, Browser Defender toolbar di ThreatExpert o AVG Security Toolbar.

Controllate l’HTTPS – Verificate che i siti su cui fate azioni particolari utilizzino il protocollo di sicurezza HTTPS: la barra degli indirizzi deve visualizzare la dicitura https:// e colorarsi di verde. E se ricevete una mail che vi invita a visitare un sito, evitate di cliccare direttamente: raggiungete il sito voi stessi cercandolo su un motore di ricerca.

Non caricate eccessivamente la carta di credito – Qualsiasi carta utilizziate, quella della banca, Paypal, Postepay o altro, caricate il denaro sufficiente per gli acquisti che dovete fare, senza lasciare depositi inutilizzati di una certa entità. Nel malaugurato caso dovessero riuscire a derubarvi, il denaro sottratto sarà il minimo possibile.

Con un po ‘di cautela, si può fare shopping online in modo sicuro.

Roberto Trizio

Sicurezza di acquisti online ed ecommerce. Guida 2012 ultima modifica: 2012-11-26T13:59:50+00:00 da Redazione

The following two tabs change content below.
La Redazione di Alground è costituita da esperti in tutti i rami della tecnologia che garantiscono una copertura completa dei principali How To relativi al mondo digitale.

Articoli correlati

ZoneAlarm. Quattro consigli per proteggere le chiavette USB

Chiavette e dischi USB possono risultare pericolosi per la sicurezza del proprio computer. Lo afferma ZoneAlarm, brand consumer di Check

Cryptolocker: pagare il riscatto peggiora la situazione, Trend Micro

Milano, 6 novembre 2013 – Massima attenzione a Cryptolocker, l’ultima creazione di “casa Malware”. Trend Micro Inc.  leader globale nella

NOD32 per Linux! Ecco come installarlo…

In questi anni sempre più utenti si avvicinano a Linux ma non solo anche le aziende produttrici di software proprietari

Identificato da Trend Micro l’autore della botnet Tequila

Dallo scorso anno Trend Micro tiene sotto controllo le attività del cybercriminale responsabile di una serie di botnet messe a

Trend Micro e FBI arrestano Mr. SpyEye, famigerato autore di virus

Il russo Aleksandr Andreevich Panin, conosciuto anche come “Gribodemon” e “Harderman”, è stato giudicato colpevole di cospirazione finalizzata a frode

Kaspersky Lab: 37,3 milioni di utenti hanno subito nell’ultimo anno un attacco di phishing

Secondo i risultati della ricerca “L’evoluzione degli attacchi di phishing 2011-2013” di Kaspersky Lab, il numero degli utenti Internet colpiti