Le password più sicure sono quelle in latino. Simplex!

Le password più sicure sono quelle in latino. Simplex!

Le password più sicure? Sebbene gli eminenti cervelli di Google mirano a decretarne la fine, le password rappresentano un antico e ancora insuperato baluardo della sicurezza informatica.

scrittalatino

E’ il latino la lingua più sicura per scegliere una password

Gli hacker lo sanno e hanno da anni inventato un particolare sistema chiamato Brute Forcing: un sotware, consultando un elenco di parole che potrebbero essere state utilizzate per creare la parola chiave, il cosiddetto “dizionario”, esegue anche decine di milioni di tentativi in breve tempo, fino a che non azzecca il risultato, e accede all’account della vittima.

L’utente ha una sola arma di difesa, la creazione di password complesse contenenti maiuscole, numeri e caratteri speciali che complichino parecchio le operazioni di forcing ma l’arma è a doppio taglio quando porta a doversi confrontare con stringhe di testo ostiche e di difficile memoria.

Ma se di norma è difficile accontentare sicurezza e comodità, stavolta l’antica lingua latina può venirci in aiuto. Creare una password utilizzando il latino rende veramente difficile qualsiasi tipo di attacco: in un mondo dominato dalla lingua inglese e cinese, è veramente complesso trovare un dizionario in latino per portare avanti i tentativi di accesso, e la creazione ex novo di un database in questo senso è comunque operazione particolarmente difficile.

Al contrario, utilizzare alcune brevi parole, di cui si conosca magari la traduzione in italiano, è qualcosa di spontaneo per l’utente che anziché dover digitare “t56hun@Ope4f” se la caverà con un “homo-mundus-minor“.

Dopo pochi tentativi la password verrà immediatamente ricordata (ci sono arrivato anche io, il che dovrebbe tranquillizzarvi) e qualora servisse si possono cambiare alcuni caratteri o aggiungere numeri come “Homo-mundus-m1nor” i quali, nell’ambito di una frase sensata, non sono poi così difficili da ricordare.

Dictum… factum!

Le password più sicure sono quelle in latino. Simplex! ultima modifica: 2013-09-04T17:31:42+00:00 da Roberto Trizio

The following two tabs change content below.

Roberto Trizio

Direttore Editoriale a Alground
Dopo una robusta preparazione classica, si dedica al giornalismo scientifico e digitale con una predilizione per le tecniche anglosassoni: le sue specialità sono le inchieste e le interviste a tutto tondo.

Tag assegnati a questo articolo:
hackersicurezza password

Articoli correlati

Sicurezza e privacy. Tutte le previsioni per il 2014

Se il 2013 ha rappresentato una vera svolta per la sicurezza informatica, riteniamo che nel 2014 si concretizzeranno e prenderanno

Quanta fiducia riporre nel marchio Apple? mmm…

Sappiamo tutti quanta cura Apple dedichi all’affermazione del proprio marchio: l’azienda di Cupertino è forse quella che nel mondo più

Datagate. Rivelare i dati personali, per scandalizzarci poi

Da quando Edward Snowden ha fatto esplodere il caso Datagate, rivelando il controllo dei metadati relativi a milioni di telefonate

Volunia ritorna. Il motore italiano ora si basa su Bing

Abbiamo accolto qualche mese fa la novità di Volunia come il motore italiano “anti” Google, la novità della ricerca italiana

Facebook e Whatsapp: snobbi la privacy? e allora… paga!

L’acquisizione di Whatsapp da parte di Facebook, è uno di quei casi, in cui si capisce quanto “privacy” faccia, prima

Bug in Internet Explorer. Ecco perchè Microsoft non fa nulla

C’è una vulnerabilità che riguarda Internet Explorer 8. Ve ne parliamo adesso, ma è stata scoperta nell’ottobre del 2013. E