Retrica, la recensione: due permessi di troppo, ma si risolve