Shazam e la privacy. App onesta ma molti i permessi richiesti